SONO ANCHE SU PATREON

Ogni mese, attraverso PODCAST, RACCONTI EROTICI autobiografici, FOTO di nudo artistico, audio ASMR, ti accompagno in un viaggio nell’erotismo che ti permetterà di riconnetterti alle tue reali fantasie, per riaccendere il desiderio atrofizzato e viziato.

Ti faccio le domande giuste per aiutarti a risolvere le tue frustrazioni sessuali e relazionali, dando voce ai pensieri che non ti autorizzi a fare.

esibizionista

Quanto sei esibizionista e quanto vorresti poterlo essere?

Ti senti a tuo agio e sensuale, ad immaginare altre persone che ti osservano fare sesso o guardano i tuoi genitali? Se la risposta è sì, forse potresti essere esibizionista.

Da un punto di vista psicologico, la caratteristica distintiva di una persona esibizionista è un forte bisogno di esporre i propri genitali a un estraneo ignaro. 

Tale esposizione di solito si verifica in luoghi pubblici dove esiste una facile via di fuga (parchi e metropolitane). 

L’obiettivo di questa esposizione è evocare una reazione scioccata nell’altra persona, che è ciò che l’esibizionista trova sessualmente eccitante. In effetti, gli esibizionisti di solito fantasticano su questa reazione scioccata in seguito quando si procurano piacere sessualmente. 

L’esibizionismo è classificato come un disturbo quando questi impulsi causano disagio.

Nel linguaggio di uso comune in realtà il termine “esibizionista” viene utilizzato senza un’accezione parafilica, ma legandolo semplicemente ad un immaginario di pratiche (consensuali) e fantasie erotiche specifiche.

Ponendo spesso il termine “esibizionista” in contrapposizione con “voyeurista”.

Semplicemente esistono alcune persone che si identificano come “esibizionisti”, ma che non si espongono agli estranei o si eccitano al pensiero di vedere la reazione scioccata o disgustata di un’altra persona. 

Gli individui che sperimentano l’eccitazione esponendo i propri genitali a un pubblico consenziente (ballerin* di locali hard, persone che compiono atti sessuali in webcam, avventori di club privè o play party, persone che praticano il dogging, nudist*) non sarebbero classificati come affetti da un disturbo parafilico. 

Quindi, tieni presente che c’è un’enorme differenza tra la definizione clinica di esibizionismo e come questo termine viene usato nel linguaggio quotidiano.

Oggi qui, non essendo io una sessuologa, ne sogni di diventare nulla del genere, voglio parlare con te solo dell’esibizionismo come pratica sessuale consenziente e fantasia erotica.

Cos’è quindi l’esibizionismo? 

L’esibizionismo è quando una persona sperimenta eccitazione sessuale dalla fantasia di essere osservata nuda o impegnata in attività sessuali, o dall’essere realmente osservata mentre è nuda o impegnata in attività sessuali.

Come ti ho già spiegato poco sopra la differenza fondamentale tra esibizionismo clinico e non, sta nella mancanza di consenso e nell’angoscia che la persona può provare riguardo ai propri desideri. 

Il sano esibizionismo è una celebrazione sessuale positiva dell’erotico e non deve essere confuso con il disturbo esibizionistico. 

Il desiderio di incorporare l’essere guardat* da altre persone nell’attività sessuale è una fantasia estremamente comune.

esibizionista

Uno studio recente ha dimostrato che il 66% degli uomini e il 57% delle donne fantasticano di fare sesso apertamente in un luogo pubblico e l’82% di entrambi i generi fantastica di fare sesso in un luogo “insolito”, inclusi uffici, bagni pubblici, ecc. 

Sono convinta che la maggior parte di noi possegga almeno una minima vena esibizionista. 

Ma, come per tutte le fantasie erotiche, portare questa fantasia nella realtà è decisamente meno comune, e spesso anche deludente rispetto a ciò che ci si immagina, o semplicemente a volte ci si scopre non così interessat* a quella particolare dinamica sessuale nel momento in cui la si mette in pratica.

Invece, l’esibizionismo è decisamente molto frequente nell’ambiente dello scambismo e nell’ambito BDSM, anche se non è detto che se frequenti determinati ambienti ami realmente esporti durante atti sessuali in pubblico.

Si può fare scambio di coppia o praticare il BDSM anche nell’intimità di casa propria.

Tei, ma come faccio a capire se sono una persona esibizionista?

1.Fantastichi di essere osservat*. 

Forse uno dei maggiori segnali che ti piace l’esibizionismo è che ti ritrovi a fantasticare regolarmente sull’essere osservat*. 

Da sol* o con un* partner: se un tema comune alle fantasie che ti portano all’orgasmo riguarda qualcun* che ti osserva nud* o impegnat* in un atto sessuale, allora potresti essere una persona esibizionista.

2.Un primo ricordo del tuo sé sessuale comporta l’essere osservat*. 

Se hai un ricordo precoce di essere stat* vist* nud* e ricordare quel momento in età adulta ti evoca un sentimento erotico, potresti essere esibizionista. 

Secondo * sessuolog* i nostri modelli erotici tendono a formarsi quando siamo molto giovani, e le prime volte che sperimentiamo noi stess* come esseri sessuali potrebbero non essere quando siamo realmente coinvolt* in atti sessuali. 

Quei ricordi più profondi del nostro sé erotico diventano parte integrante di ciò che ci eccita. 

3.Ti piace l’idea di entrare nel Burlesque, nello spogliarello o in altre forme di spettacolo hard/sexy. 

Ha molto valore per alcune persone dare un contesto sensuale al loro esibizionismo, perché potrebbero sentirsi a proprio agio solo con il sentirsi “sexy”, ma non con il sesso.

4.Ti piace fare uno show per il tuo/la tua partner. 

Simile all’idea dello spogliarello o del Burlesque, organizzare uno show per il/la partner – ballare, masturbarsi davanti all’altr* ecc. – non viene fatto solo per eccitare l’altra persona e compiacerla.

5.Ti vesti sexy per attirare l’attenzione. 

Ovviamente persone diverse troveranno sexy abiti e indumenti diversi – non esiste un tipo di abbigliamento in cui tutte le persone si sentirebbero sensuali.

Ma ancora una volta, si tratta di attirare l’attenzione su di sé e sul proprio corpo.

Anche se non stai portando questi comportamenti in situazioni realmente sessuali, sono i primi segnali che ami la sensazione di avere persone che ti guardano.

Questo in realtà non è un comportamento di un genere specifico, anche se spesso nella nostra cultura siamo portat* a pensare alle persone socializzate come donne come “oggetti del desiderio”, e ci si aspetta che le donne si vestano di conseguenza. 

6.Ti piace portare con te il tuo/la tua partner mentre acquisti lingerie. 

In questo modo, il tuo/la tua partner si sentirà sessualmente eccitat* e adorerai vedere come reagirà quando ti mostrerai. Un classico esempio di esibizionista e voyeurista insieme.

esibizionista

Esibizionismo contro voyeurismo

Esibizionismo e voyeurismo in realtà vanno di pari passo, sono due facce della stessa medaglia. 

L’esibizionismo riguarda la possibilità di essere vist*, mentre il voyeurismo è relativo il guardare le altre persone nude o mentre fanno sesso e ricavarne eccitazione fisica e/o mentale. 

Come l’esibizionismo, il voyeurismo è abbastanza comune (gli stimoli sessuali visivi sono intrinsecamente eccitanti).

Il consenso è sempre la chiave del voyeurismo e fa sì che i due kink funzionino bene insieme. 

Personalmente sento di possedere in parte entrambe le attitudini e come voyeur, ad esempio, ho potuto imparare a godermi rispettosamente l’eccitazione e il piacere di qualcun* che vuole essere vist* (all’interno di Club e Party espliciti) durante qualsiasi gioco individuale, di gruppo o sessione.

(A questo proposito vorrei dire che bisogna “saper guardare”, anche il voyeurismo è una cosa che in un certo senso va appresa, allenata, imparata a gestire.)

Osservare i segnali verbali e non verbali, come i corpi di queste persone reagiscono o si muovono e sapere che la mia attenzione è un’ulteriore forma di partecipazione, è ciò che rende la delicata danza dell’osservatore e dell’osservato ancora più stuzzicante. 

L’industria dell’intrattenimento per adulti vale miliardi perché viviamo in un società che ha persone che amano esibirsi e altrettante che adorano guardare. 

Ma ora che abbiamo parlato della differenza tra clinico e non, ci siamo interrogat* su quanto siamo esibizionist* o voyeurist*… li vuoi dei suggerimenti per esplorare un po’ il tuo lato esibizionista?

Inizia sempre nel regno della fantasia prima di impattare bruscamente con la realtà. 

Bla, bla, bla

Prima di immergerti, intavola conversazioni aperte e oneste su ciò che desideri quando si tratta della tua esplorazione in ambito esibizionista, specialmente con il tuo/la tua/i tuoi partner sessual*. 

Parla di come sarebbe il sesso se altre persone lo guardassero. Discuti diversi scenari e individua cosa per te potrebbe essere più eccitante.

Poi, porta quelle fantasie in camera da letto mentre fai sesso, immaginando che ciò di cui hai già parlato si stia effettivamente realizzando intorno a voi. 

Se questo è effettivamente eccitante per te e il tuo/la tua partner, potresti discutere di cosa ci vorrebbe per rendere reali quelle fantasie. 

Discutere se questo è qualcosa che ENTRAMB* volete fare, o se la fantasia è sufficiente.

Strip-tease

Indossa indumenti sexy o metti in scena uno spogliarello per toglierti i vestiti (o entrambe le cose). 

Lascia che gli indumenti sottolineino ciò per cui ti senti più sexy, o coprano aree del tuo corpo che non ami in modo strategico, facendoti sentire a tuo agio e aiutandoti così a dare vita a un ruolo o un’identità.

Lì dove (non) batte il sole

Tieni le luci accese (o sistemati al sole in giardino sempre che tu ne abbia uno privato) e metti in scena un vero e proprio spettacolo. Se stai cercando il brivido esibizionistico, allora potrebbe essere un po’ più difficile farlo al buio. 

Sii appariscente, chiedi al tuo/la tua partner di guardarti senza mai staccarti gli occhi di dosso. 

Metti su uno spettacolo erotico per l’altra persona (o “altre” al plurale, perché no). 

Ad un certo punto dello Show puoi anche coinvolgere il tuo pubblico provando con la masturbazione reciproca (o collettiva). 

Tutt* insieme appassionatamente

Prova ad andare in un Club Privè, una Spa scambista o ad un Play Party. 

Una volta che hai capito chiaramente le basi della comunicazione e hai incorporato un po’ delle tue fantasie esibizionistiche nella camera da letto, allora potrebbe essere il momento di fare un salto di qualità. 

Esplora una festa esplicita, fetish o un ritrovo di scambisti. 

Se stai andando ad un Party del genere per la prima volta, non sentirti sotto pressione perché non c’è alcun obbligo di partecipare ad attività di nessun tipo.

Potresti semplicemente partecipare insieme a degli amici o alla tua dolce metà, guardare, berti un drink e una volta tornat* a casa ripensare alla serata sperimentando probabilmente orgasmi decisamente più intensi del solito.

Quindi, ora che hai una migliore comprensione dell’esibizionismo consensuale e di cosa significa essere un* esibizionista, cosa hai deciso? 

La verità è che non devi mai fare nulla che non desideri davvero. 

Se pensi che non saresti abbastanza “coraggios*” da provare l’esibizionismo o temere che non ti piacerebbe nella vita reale, va bene. 

Molte delle nostre fantasie vivono nelle nostre menti e ci portano comunque enorme appagamento senza doverle trasformare in realtà. 

Ciò non significa che in fondo non sei un* esibizionista.

 

E tu, guardi o ti lasci guardare?

ULTIMI Post

No Taboo Corpi in libertà - un evento che profuma di e(ri)voluzione
Cosa è successo davvero al Festival No Taboo? Ti rispondo parafrasando un celebre brano dei Beatles:...
Onan, la mia storia tra le dita: intervista ad una persona autosessuale
“Mi piaccio e provo attrazione per me stesso”. Onan (nome di fantasia) è un uomo adulto e si definisce...
Il mito del sesso che deve essere spontaneo
“Il sesso deve essere spontaneo, se no non mi va” è una frase che ho sentito ripetere e mitizzare milioni...
Senso di colpa e sessualità
Forse non lo sai, ma il senso di colpa interiorizzato rispetto a come viviamo la nostra sessualità arriva...