SONO ANCHE SU PATREON

Sul mio Patreon LEGGI i miei racconti erotici autobiografici a puntate, GUARDI le mie foto senza (troppa) censura, ASCOLTI i racconti letti dalla mia voce e tanti altri contenuti.

La paladina della sessualità consapevole, positiva ed inclusiva, per liberarci tutt* dai tabù e dagli stereotipi.

sesso regalo

Sex is not a gift: smetti di darla

Alle volte il sesso sembra un regalo che le donne fanno agli uomini, ma perché questa visione è così sbagliata e nociva?

Lo so che siamo in agosto, ma sto riflettendo da qualche giorno sulla festa di San Valentino e sui regali che le coppie si fanno.

Inizio febbraio è il momento in cui molte persone (in coppia e non) iniziano a pensare all’amore, sia in una deliziosa celebrazione, in completo rifiuto, o in uno stato d’animo sprezzante, un po’ indifferente, tutto questo solo perché il giorno di San Valentino si avvicina. 

I negozi sono pieni di cuori rossi, orsacchiotti bianchi e deliziosi cioccolatini con frasi melense al loro interno e le stazioni radio riescono a riprodurre quasi tutte le canzoni d’amore R&B mai scritte. 

Tra gioiosa attesa e cinico disprezzo, la domanda più frequente è: cosa regalerai alla tua dolce metà come dono per San Valentino? 

Mentre molt* di noi ammetteranno che questa ricorrenza è quasi sempre sbilanciata verso le donne, non possiamo ignorare il fatto che anche gli uomini hanno bisogno di amore e attenzione e perché no, un regalo sentito. 

Questo è il momento perfetto per mostrare al “tuo uomo” un affetto speciale extra, ma indovina un po’? Il sesso non è un “regalo” accettabile da fare. 

Ho partecipato a discussioni su San Valentino (e altre festività importanti in cui vengono scambiati doni) durante le quali le persone, in particolare le donne, affermano che intendono regalare sesso ai loro partner. 

Aspetta Tei… cosa? Da quando il sesso è mai stato un “dono”? 

Un dono, per definizione e concetto, e ciò che lo rende speciale, è che le persone si offrono reciprocamente segni di apprezzamento che sono liberi dalla richiesta di reciprocità. 

Quando fai un regalo, dovresti farlo davvero con la gentilezza e la bontà del tuo cuore, e dovresti farlo senza aspettarti che il destinatario ti dia qualcosa in cambio (soprattutto del sesso). 

Se possiamo accettare questo concetto, perché le persone (in particolare quelle con la vulva) offrono effettivamente il sesso come “regalo”? 

Quando fai sesso, partecipi senza aspettarti di ricavarne realmente qualcosa in cambio? 

Non sono sicura che l’essere umano medio generalmente si faccia coinvolgere in una situazione sessuale focalizzata esclusivamente sul dare piacere senza assolutamente alcun desiderio di godimento condiviso, no?

Poi, ben venga l’altruismo a letto, ma almeno facciamo a turno. Ben venga il “ricavo piacere dal vedere il godimento dell’altr*”. Si ok, però appunto ricavi piacere e non niente.

Quando faccio sesso, cerco sempre di ottenere il mio piacere, poi che questo non sempre accada in automatico, beh, è un’altra storia. 

sesso regalo

Sì, adoro stuzzicare e stimolare il mio partner e do il 110% per assicurarmi che il mio amante sia completamente soddisfatto prima di fermarmi. 

Non c’è mai un momento, tuttavia, in cui penso: “Wow, darò tutto questo amore qui senza volere nulla in cambio!” 

Il sesso dovrebbe, come minimo, essere un’esperienza reciprocamente concordata e goduta tra (almeno) due persone che vogliono essere presenti, vogliono partecipare con entusiasmo e non si sentono obbligate a fare nulla che non desiderano davvero. 

Sfortunatamente, poiché il sesso è stato storicamente usato troppo spesso per fare leva, come strumento di contrattazione o addirittura come arma, il senso del dovere è fin troppo familiare per alcune persone, in particolare le donne. 

Le donne sono state storicamente condizionate a non godersi il sesso per il proprio piacere ed è sempre stato detto loro che devono semplicemente conformarsi al sesso piuttosto che essere proattive e avere il controllo della loro soddisfazione sessuale. 

È stato solo negli ultimi decenni, che le donne si sono sentite abbastanza sicure e autorizzate a diventare più esplicite nel pretendere il loro diritto di fare sesso, per nessun altro motivo se non quello di ottenere piacere e non essere giudicate negativamente o umiliate per questo. 

Tra l’altro, quando una persona con la vulva dice qualcosa come “gliela do come regalo”, a me sembra sempre che forse la coppia non faccia sesso abbastanza regolarmente, da trasformare il fatto di farlo (addirittura) in un regalo speciale… bah. 

Oppure, il donatore in qualche modo raziona il sesso, forse anche con riluttanza, e il partner sarebbe davvero felice di averne un po’. 

Anche se so che non è sempre l’intenzione dietro ogni risposta, so che questo è un problema molto reale per alcune persone. 

Tant* mi scrivono di continuo lamentandosi e chiedendomi aiuto su come aumentare la frequenza della loro attività sessuale perché semplicemente non ne ricevono regolarmente come vorrebbero. 

(E io che ne so delle vostre dinamiche di coppia?! Mica vivo con voi e vi osservo giorno e notte…)

Sfortunatamente, proprio perché la convinzione estremamente patriarcale che il sesso possa essere un regalo per l’uomo da parte della donna è estremamente radicata in noi, ci sono persone là fuori che possono fare sesso con i loro partner solo in occasioni speciali e, in quanto tali, sentono che ogni volta è una benedizione. 

Quando chiedo a queste persone perché continuano la loro relazione senza far conoscere i loro desideri all’altro, la risposta più comune che ottengo è che non vogliono sembrare superficiali, dei fissati o addirittura malati di sesso. 

Se hai mai deciso di regalare sesso al tuo amante, vorrei che abbandonassi quell’idea per il prossimo scambio di regali. Fallo per il bene dell’umanità, ti prego.

sesso regalo

Sì, il sesso può essere una sorta di contorno ad un vero regalo, ma assicurati che non sia l’evento principale. 

Il sesso non è un premio che assegni a qualcuno per aver fatto i salti mortali, come se “darla” poi ti garantisse la relazione impegnata che desideri tanto. 

Il sesso non è una ricompensa per un buon comportamento o uno strumento di contrattazione o qualcosa che dai in cambio del tuo amore. 

Il sesso è per te. 

Dovresti fare sesso perché ti fa sentire bene ed è divertente. 

Dovresti goderti il tuo corpo e quello di un altro adulto consenziente perché entrambi volete divertirvi. 

Dovrebbe essere esattamente così semplice. 

È così semplice, ma spesso ricopriamo tutto di così tante sovrastrutture culturali che poi si traducono solo in una pressione ridicola su noi stess*. 

Il sesso non è sacro. 

Può anche esserlo, ma il sesso non è intrinsecamente sacro di per sè. 

È un impulso fisiologico. 

Proprio come il cibo non è sacro, ma può esserlo. 

Abbiamo bisogno del cibo per vivere. Una torta nuziale è cibo “sacro”. La cerimonia e l’intenzione sono ciò che può rendere sacro il cibo. 

Un panino alla mortazza non è sacro, ma fa ottimamente il suo dovere. 

Il sesso della prima notte di nozze può essere definito “sacro”. Qualsiasi sesso che sia una pura espressione di amore può essere sacro se è questo ciò che ti interessa e il significato che vuoi dargli.

Però, il sesso non ha mai bisogno di essere sacro per essere goduto, positivo e legittimato. Il sesso ha solo bisogno di essere consenziente.

Non deve servire ad alcuno scopo al di là del puro godimento

Il sesso è un aspetto importante della tua relazione come qualsiasi altro.

E probabilmente, dovresti scoprire se sei sessualmente compatibile con il/la tuo/tua partner prima di giurare di dedicargli il resto della tua vita.

Tutta questa pressione che le persone (donne etero) esercitano su se stesse per assicurarsi che un uomo si sia “guadagnato” la benedizione sovrana di avergli concesso il loro sesso raro e unico, è davvero estenuante. 

La tua vulva non è più speciale di quella di chiunque altra. Eh si, questa è la verità. Sei tu, al limite, ad essere speciale per motivi differenti.

L’unica cosa che devi prendere in considerazione quando decidi di fare sesso è se ti senti a tuo agio e se lo desideri. Questo è tutto. Niente di più. 

“Devo resistere o non mi rispetterà!” Cazzate. Un uomo adulto minimamente decente non fa questi ragionamenti, e se li fa non è una persona intelligente, passa oltre.

È lo stesso di un uomo che aspetta tre giorni (volontariamente) per scriverti un messaggio invece di scriverti quando vuole farlo davvero. 

Ci sono uomini che ti chiameranno troia solo perché hai fatto sesso con loro al primo appuntamento, nonostante anche loro abbiano fatto sesso con te al primo appuntamento.

Ok, anche qui… passa oltre. È molto meglio sapere subito con chi hai a che fare, che più avanti nella relazione.

Potresti pensare che rendere il sesso una ricompensa ti darà il controllo, ma in realtà mette tutto il potere nelle mani di qualcun altro, e questo qualcuno non sei tu. Ora è un regalo che hai regalato. 

Sai cosa ti darà davvero tutto il “potere”? Fare sesso quando vuoi, con chi vuoi, quando ti senti a tuo agio nel farlo. 

Fai sesso perché ti fa sentire bene. 

Fai sesso perché è divertente. 

Fai sesso perché lo vuoi e mai perché devi. 

Smetti di trattare il sesso come un premio, una ricompensa o un regalo per chiunque tranne che per te. 

L’euforia di questo genere di libertà è (quasi) meglio del sesso. Fidati di me.


Sex is not a gift.

ULTIMI Post

Sei davvero pront* per fare sesso a tre? I miei consigli sul threesome
Il sesso a tre è la fantasia sessuale più comune tra gli italiani (e non solo), nonché forse la più fraintesa....
Legàmi/lègami, di poliamore e Shibari: la mia prima esperienza come Bunny
Lo shibari, o kinbaku, è una disciplina giapponese che consiste nel legare una persona in un contesto...
Shunga: un'arte erotica prima ammirata, poi proibita
Shunga è un'arte erotica giapponese che ha raggiunto il suo apice durante il periodo Edo (1600-1868)...
10 motivi per cui l'altra persona dovrebbe amarmi
Viviamo in una società dove all’interno delle relazioni siamo abituati a soffermarci più su cosa l’altra...
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21